La dieta chetogenica e il Glioblastoma

31 Maggio 2020 2 di Roberto Pugliese

Mi sono chiesto molte volte se la dieta che seguiva Emanuele sia stata di un qualche aiuto oppure no ne suo caso specifico. Di fatto lui ha rinunciato a molte cose che gli piacevano nella speranza che questo potesse aiutarlo a guarire. Il dubbio mi è rimasto e ho deciso di approfondire l’argomento ora che la mia situazione emotiva mi permette di farlo.

Certo sembra ragionevole provare a lasciare il tumore privo di sostanze che lo aiutano a crescere, ma il corpo umano è così complesso che quello che sembra ragionevole magari in realtà non funziona. Mi ricordo di essermi confrontato con diversi medici con opinioni molto diverse sull’argomento.

Ho incominciato a fare delle ricerche sull’argomento e ho trovato molto interessante questo articolo pubblicato nel 2018 sulla rivista Frontiers of Nutrition. Nell’articolo viene descritto il caso di un uomo di 38 anni che presentava mal di testa cronico, nausea e vomito accompagnati da convulsioni motorie al lato sinistro del corpo e debolezza dell’arto superiore sinistro. La risonanza magnetica cerebrale aveva rivelato una lesione solida nello spazio parziale destro che indicava un possibile glioblastoma. I test sierologici avevano rivelato una carenza di vitamina D e livelli elevati di insulina e trigliceridi. Prima della resezione subtotale del tumore e di applicare il protocollo standard di cura, il paziente è stato sottoposto a un digiuno a solo acqua di 72 ore. In seguito il paziente ha iniziato una dieta chetogenica arricchita con vitamine e minerali per 21 giorni a un regime di 900 kcal / giorno. Oltre alla radioterapia, alla chemioterapia con temozolomide e alla dieta chetogenica a un regime di 1.500 kcal / giorno dal giorno 22, il paziente ha ricevuto metformina (1.000 mg / giorno), metilfolato (1.000 mg / giorno), fosfato di clorochina (150 mg / giorno) , gallato di epigallocatechina (400 mg / giorno) e ossigenoterapia iperbarica (60 min / sessione, 5 sessioni / settimana a 2,5 ATA). Il paziente ha anche assunto levetiracetam (1.500 mg / giorno) per le crisi epilettiche. Tuttavia il paziente non ha assunto alcun farmaco steroideo. L’istologia post-chirurgica ha confermato la diagnosi di glioblastoma. Sono state osservate anche una ridotta invasione di cellule tumorali e vasi sanguigni ialinizzati a parete spessa che suggeriscono un beneficio terapeutico della terapia metabolica pre-chirurgica. Dopo 9 mesi di trattamento standardizzino modificato e terapia metabolica chetogenica complementare, il peso corporeo del paziente è stato ridotto di circa il 19%. Convulsioni e debolezza dell’arto sinistro si sono risolti. I biomarcatori hanno mostrato una riduzione della glicemia e livelli elevati di chetoni urinari con evidenza di ridotta attività metabolica (rapporto colina / N-acetilaspartato) e livelli normalizzati di insulina, trigliceridi e vitamina D.

Poiché la regressione rapida di un glioblastoma è rara a seguito della resezione subtotale e del solo trattamento standard, è possibile che la risposta osservata in questo caso sia risultata in parte dalle modifiche o meglio dei trattamenti che sono stati affiancati al trattamento standard.

Sono certamente necessari ulteriori studi per convalidare l’efficacia della dieta chetogenica somministrata assieme agli altri farmaci che aumentano selettivamente lo stress ossidativo nelle cellule tumorali limitandone l’accesso al glucosio e alla glutammina.

Il paziente trattato oggi rimane in ottima salute (punteggio Karnofsky, 100%) con continue evidenze di significativa regressione del tumore.

Che dire quindi … in questo caso sembra che la dieta chetogenica combinata al trattamento standard e con l’aggiunta di altri farmaci che aumentano lo stress delle cellule tumorali ha avuto un effetto positivo. Probabilmente dipende anche dallo specifico caso, ma ormai abbiamo capito che il glioblastoma va trattato in tutti i modi possibili e anche la dieta potrebbe avere la sua parte.